Letture

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Venerdì, 08 Luglio 2022

BabiniAndrea Babini: Tra anarchia e cristianesimo

La rivista D.M.C.D./CR.AN. e il movimento cristiano-anarchico

Editore: La Mongolfiera

«Fra le tante domande che il variegato mondo dell’anarchismo si è posto (ma che probabilmente ha smesso di porsi da tempo) c’è anche quella relativa alla coesistenza con il cristianesimo. Che in sé è una domanda piuttosto semplice e scontata, visto l’ambiente culturale in cui gli anarchici si sono trovati a operare da un paio di secoli a questa parte, mentre la risposta invece non lo è affatto. Perché se è vero che il 99% degli anarchici hanno escluso tale relazione, sia in termini di principio che a livello “operativo”, il rimanente 1% ha affrontato, e affronta, la questione in maniera più articolata. E il motivo principale – lo dico anche per esperienza personale, diretta e indiretta – è perché la fede cristiana (declinata perlopiù sottoforma di confessione cattolica) fa o ha fatto parte della propria esperienza di vita, e ad essa si è o si è stati convintamente legati; di conseguenza, anche il “credo” politico non può rimanerne indifferente.

Leggi tutto: Andrea Babini: Tra anarchia e cristianesimo (n°255)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Lunedì, 02 Maggio 2022

CastagneCasa Tomaggia, di Rino Ermini (n°253)

Casa Tomaggia esiste ancora oggi. Ci si arriva con una strada bianca, aperta ai primi del XX secolo, che risale la valle affiancando il torrente che la discende; da questa strada, a un certo punto, si imbocca a sinistra una carrareccia, un tempo lastricata e ormai ridotta a sentiero, che si inerpica sui pendii boscosi del Poggio di Corte Castiglioni. Casa Tomaggia esiste, ma è soltanto ruderi; e i campi intorno solo occhi esperti possono indovinarli nei resti di muri a secco delle terrazze, fra quercioli, ginestre, scope, prugnoli e macchie di pruni. Il sentiero prosegue dopo i ruderi, aggira una forra percorsa da un rivolo d’acqua limpida, esce dai boschi per entrare negli oliveti di Case Figlinelli e ridiscende verso Pian di Tegna

Leggi tutto: Casa Tomaggia, di Rino Ermini (n°253)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Sabato, 02 Aprile 2022

FirenzeBrunero Ciantini, di Rino Ermini (n°252)

ovvero: “Le trasformazioni di un razzista”

Questa storia, un po’ personale e molto semplice, riguarda Brunero Ciantini, un uomo d’una quarantina d’anni nato a Firenze; più precisamente riguarderebbe certe idee senza senso sulla nascita e il luogo d’origine che malauguratamente si trovano un po’ dovunque e sempre più spesso, non solo a Firenze. A vent’anni, quindi non molto tempo fa, Brunero faceva parte di un gruppo di suoi coetanei come ce ne sono tanti, e non perdeva occasione di far notare che lui era “cittadino” e “fiorentino puro”.

Leggi tutto: Brunero Ciantini, di Rino Ermini (n°252)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Domenica, 06 Febbraio 2022

paperinoIl podista e i costruttori di capanne, di Rino Ermini (n°250)

 

Molte saranno le storie già scritte e ambientate all’epoca del covid, ma confesso di non essere interessato, e credo che non andrò a cercarle né a leggerne alcuna. Ne ho abbastanza del covid e di quel che c’è girato e ci gira intorno, e di tutte le storie di sofferenza che si sono aggiunte a quelle d’ordinaria amministrazione. Non dico delle storie di gente sempre sulle prime pagine dei giornali, ma delle storie della gente normale, quelle di cui nessuno si occupa. Tuttavia di storie, a mia volta, non posso non raccontarne almeno una che, fra l’altro, non sarebbe nemmeno una storia, ma un fatterello da prendere per quel che è. 

Leggi tutto: Il podista e i costruttori di capanne, di Rino Ermini (n°250)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Sabato, 01 Gennaio 2022

covidIl secolo lungo (n°249)

di Eric Hobsbawn Junior

anno di pubblicazione: 2222

Capitolo 2: 

La lunga pandemia1

Come abbiamo visto nel primo capitolo, dopo il crollo del socialismo sovietico, il capitalismo - liberato da scomode concorrenze - si sbarazzò del suo “volto umano” costituito dalle politiche socialdemocratiche e keineisiane per tornare a ignorare bellamente i problemi sociali. Il trionfo del pensiero neoliberista fu tale da assumere la dimensione di pensiero unico, a cui aderirono sostanzialmente quasi tutte le correnti politiche.

Leggi tutto: Il secolo lungo (n°249)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Domenica, 07 Giugno 2020

genitori e bambinoUn paese vero, Rino Ermini (n°234)

Questo non è un racconto, ma la descrizione di un paese. E che differenza fa? Non lo so. Dicevo per i critici letterari, quelli che ti spiegano che cosa sono o che cosa non sono un romanzo, un racconto, un racconto lungo, un romanzo breve, o che so io. Insomma, mettevo le mani avanti. Si tratta di un paese brutto, e anche un po’ sporco, che sta nel profondo sud, come tutti i paesi brutti e sporchi.... scusate avevo la carta geografica capovolta, ho sbagliato ad orientarla. È un paese che sta al nord, ma così a nord che di più non si può.

Leggi tutto: Un paese vero, Rino Ermini (n°234)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Mercoledì, 01 Aprile 2020

bottiI partigiani e la fattoria, di Rino Ermini (n°232) 

La fattoria del Ragneto era circondata da un grande recinto in blocchi squadrati di pietra serena alto tre metri sulla cui sommità erano murati cocci di bottiglia. Questa la prima caratteristica che si percepiva arrivandoci. C’erano due ingressi: uno per transitare a piedi e un passo carraio che stavano ambedue sul lato lungo la via comunale; un altro passaggio, per carri e persone, era dalla parte opposta ed immetteva nei campi. Dentro il recinto ci stavano la casa padronale e un parco signorile: sempre chiusi e in ordine in attesa del padrone, che viveva in città e lì ci passava sì e no una settimana due volte all’anno.

Leggi tutto: I partigiani e la fattoria, di Rino Ermini (n°232)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Venerdì, 19 Luglio 2019

Foglia di ficoUna frasca di fico, Rino Ermini (n°225)

Stavo percorrendo in macchina una strada già fatta centinaia di volte nel corso della mia vita, tutta curve e contro curve, fra boschi, vigne ed uliveti. Stava facendosi buio. Quasi deserta. Non che normalmente ci fosse chissà quale transito, ma a quell’ora, l’ora di cena o giù di lì, in giro non c’era nessuno.

Leggi tutto: Una frasca di fico, Rino Ermini (n°225)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Sabato, 23 Marzo 2019

MazzuoloScalpello e mazzuolo, di Rino Ermini (n°221)

Galligiano è una frazione di una ventina di case allineate ai lati di una strada in salita e lastricata,  metà da una parte e metà dall’altra. Finiscono le case dove la strada diventa viottolo montano. 

A Galligiano molti di cognome erano Venturi, del resto come in altre frazioni vicine quali La Lama, Caspri, Ciaspri e Mocale; genti giunte secoli addietro da chi sa dove e che, dopo aver varcato i monti, erano scese seguendo proprio quel viottolo che ora, entrando fra le case, si trasformava in strada. Giunsero con asini e muli, qualche pecora e qualche capra, magre vacche da lavoro e attrezzi. Fra gli attrezzi a nessuno mancavano scalpello e mazzuolo. Genti di mestiere contadini e pecorai, ma che sembravano portati più a cavar sasso e lavorarlo. Qui si fermarono perché il pendio bene esposto e meno erto lasciava intendere la possibilità di erigere magri campi a terrazza, e capanne da trasformare a suo tempo in case di pietra. Era anche una terra dove facilmente affiorava il macigno, buono a farci qualche cava. Più in giù, verso la valle, su terreni migliori, non vollero né potevano andare: c’erano altri coi quali volevano convivere, non urtarsi. Dove si fermarono, c’erano anche due torrenti. Voltando le spalle ai monti e guardando la piana, uno era a mancina, con meno acqua, ma buona da bere, e uno era a man ritta, più impetuoso, buono per il mulino e per lavarci le pecore a primavera, prima della tosatura.

Leggi tutto: Scalpello e mazzuolo, di Rino Ermini (n°221)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Sabato, 06 Ottobre 2018

Campagna - Foto di Mario RebeschiniLa vendemmia com’era un tempo, di Rino Ermini (n°216)

Nel nostro podere, meno d’una decina di ettari fra campi e boschi, la vendemmia durava un paio di giornate. Faticose per gli adulti. Per i ragazzi erano giornate struggenti, complice forse l’aria di quella stagione (“Non so se tutti hanno capito ottobre/ la tua grande bellezza/ nei tini grassi come pance piene/ prepari mosto e ebbrezza/ prepari mosto e ebbrezza”). 

Leggi tutto: La vendemmia com’era un tempo, di Rino Ermini (n°216)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Giovedì, 31 Maggio 2018

Franca Gandolfi e Domenico ModugnoSanremo, di Rino Ermini (n°213)

Quando mi affiora alla mente la parola Sanremo la associo a tre nomi e al parto di una vacca. I nomi sono Calvino, Libereso Guglielmi e Tenco. Il parto di una vacca ora ve lo racconto. Avrò avuto sette od otto anni ed erano un po’ di giorni che in casa si parlava di andare a vedere Sanremo. Questo nome allora non mi diceva niente. Qualche anno dopo, per me che amavo la geografia, sarebbe stato un paese sul mare dove si coltivavano i fiori. Per mia madre e una sua amica contadina che abitava in un podere a un chilometro dal nostro, doveva essere qualche altra cosa. Parlavano di canzoni, cantanti. Un giorno le chiacchiere furono ancora più fitte e sentii dire che la sera mia madre e la sua amica, si chiamava Eva, sarebbero andate al circolo dell’ACLI per vedere questo Sanremo alla televisione. Così, verso le otto, passò Eva e insieme, a piedi, si incamminarono chiacchierando.

Leggi tutto: Sanremo, di Rino Ermini (n°213)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Lunedì, 01 Gennaio 2018

SpigaLia Bonarini Bagiardi, di Rino Ermini (n°208)

Lia Bonarini Bagiardi, contessa, era una che veniva da una famiglia nobile proprietaria di poderi. Quando l’ho conosciuta era ormai molto in là con gli anni, la sua famiglia non c’era più, l’essere nobile non contava più nulla, e in quanto ai poderi gliene erano rimasti tre, con sopra altrettante famiglie mezzadrili. Anche la mezzadria, nemmeno a farlo apposta, era sul punto di morire. Tanto è vero che i figli dei suoi mezzadri di lavorare la terra non ne volevano sapere: erano in tutto sei e due, di età intorno ai vent’anni, già lavoravano come operai in città, preferendo alzarsi alle quattro la mattina e tornare a casa alle otto di sera, ma trovarsi ogni mese un salario, piuttosto che fare la stessa cosa per lavorare il campo sotto casa, ma a fine mese non trovare nulla o quasi; gli altri, di età fra i dieci e i quindici anni, andavano a scuola e dicevano che volevano studiare fino a diventare dottori. Non c’era speranza.

Leggi tutto: Lia Bonarini Bagiardi, di Rino Ermini (n°208)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Domenica, 01 Ottobre 2017

femministaLa femminista, di Rino Ermini (n°205)

Passavamo l’estate, se eravamo studenti, o le ferie, se eravamo lavoratori, nei modi più disparati, facendo grandi o piccole cose, quasi sempre ben riuscite e piacevoli. C’era chi andava ad Amsterdam e chi al mare in Sardegna, chi a fare un giro a piedi sull’Appennino con tenda e sacco a pelo nello zaino, chi una settimana a Rimini e chi dalla mattina alla sera a oziare seduto davanti alla Casa del popolo.

Leggi tutto: La femminista, di Rino Ermini (n°205)

Stampa
Categoria principale: ROOT Categoria: Letture
Creato Giovedì, 01 Giugno 2017

negozioGigi del Cuti, di Rino Ermini (n°202)

Mio nonno paterno si chiamava Luigi Affortunato, noto nelle campagne dov’era nato e vissuto a lungo col nome di Gigi del Cuti. Da dove venisse quel “Cuti”, soprannome della famiglia forse da generazioni, non l’ho mai saputo.

Leggi tutto: Gigi del Cuti, di Rino Ermini (n°202)

Letture - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons