Ambiente

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Domenica, 01 Marzo 2020

Tabernacolo e inginocchiatoioLe Georgiche: la grandine, di Rino Ermini 

“Sol quoque et exoriens et, cum se condet in undas, / signa dabit; olem certissima signa sequentur, / et quae mane refert et quae aurgentibus astris. / Illeubi nascentem maculis variaverit ortum / conditus in nubem medioque refugerit orbe, / suspecti tibi sint imbres; namque urget ab alto / arboribusque satisque Notus pecorique sinister; aut ubi sub lucem densa inter nubila sese / diversi rumpent radii aut rubi pallida surget / Tithoni croceum linquens Aurora cubile / heu, male tum mitis defendet pampinus uvas: / tam multa in tectis crepitans salit horrida grando.” (LIBRO I, versi 438-449)

“Ed anche il sole, sorgendo o tuffandosi nelle onde, / darà segnali; il sole è fonte di certissimi segni, / quelli che esprime al mattino e gli altri al sorgere delle stelle: / Se avrà screziata di macchie la nascente ascesa, / o ravvolto in una nube difetterà nel centro del disco, / dovrai sospettare piogge; urge dall’alto / Noto avverso agli alberi, ai seminati, al bestiame. / Ma quando sul far del giorno fra dense nubi / irromperanno raggi in direzioni diverse, o pallida l’aurora / sorgerà lasciando il croceo letto di Titono, / ah! male il pampino difenderà le uve addolcite; / tanta sui tetti rimbalzerà crepitando la furia della grandine.”

Leggi tutto: Le Georgiche: la grandine, di Rino Ermini (n°231)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Sabato, 01 Febbraio 2020

Ascia a lama ricurva e manico cortoLe Georgiche: lavorare quando piove e nel giorno di festa; lavaggio delle pecore, i trogoli e altre cose, Rino Ermini (n°230)

“Frigidus agricolam si quando continet imber, / multa, forent quae mox caelo properanda sereno, / maturare datur: durum procudit arator / vomeri obtunsi dentem, cavat arbore lyntres / aut pecori signum aut numerus impressit acervis. / Exacuunt alii vallos furcasque bicornis / atque Amerina parant lentae retinacula viti. / …....... / … etiam festis quaedam exercere diebus / fas et iura sinunt: rivos deducere nulla /  religio vetuit, segeti praetendere saepem, / insidias avibus moliri, incendere vepres / balantunque gregem fluvio mersare salubri” (Libro I, versi 259-272).

“Qualora la fredda pioggia tenga chiuso il contadino, / è dato approntare molte cose, che poi con il sereno / dovrebbero affrettarsi. L’aratore tempra il duro / dente dell’ottuso vomere, scava tinozze nei tronchi / e imprime il marchio al bestiame, il numero ai moggi. / Altri aguzzano pali e forche bicorni / e preparano i legami di Ameria per le lente viti /........./ … anche nelle feste è lecito qualche lavoro: / le leggi umane e divine lo consentono; nessun vincolo / vieta di derivare ruscelli, addossare alle messi una siepe / tendere insidie agli uccelli, bruciare pruneti, / tuffare il gregge dei belanti in una salutare corrente”.

Leggi tutto: Le Georgiche: lavorare quando piove e nel giorno di festa; lavaggio delle pecore, i trogoli e...

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Sabato, 01 Febbraio 2020

bolognaL’Orto botanico di Bologna, redazionale (n°230)

A Bologna, in pieno centro storico, lungo la trafficata via Irnerio, per sfuggire a smog e rumore si può trovare riparo in un angolo di tranquillità. 

Si tratta dell’Orto botanico dell’Università, liberamente accessibile da parte della cittadinanza, che dagli anni ’70 del Novecento ospita, tra l’altro, un bosco di pioppi bianchi ed altre specie legnose, lasciato evolvere spontaneamente per riprodurre ambienti della pianura bolognese ormai quasi scomparsi.

In quest’area verde si sono rifugiate alcune specie di uccelli attirati dai grandi alberi; inoltre un piccolo stagno ricoperto di igrofite e ninfee, accoglie numerosi anfibi protetti da una legge regionale che tutela la fauna minore, tra i quali una specie di tritone che rientra tra quelle di interesse comunitario elencate nella direttiva Habitat (92/43/ CEE).

Leggi tutto: L’Orto botanico di Bologna, redazionale n°230)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Sabato, 18 Gennaio 2020

Sorbi, Raffello (1844-1931)Le Georgiche: imbuinare l’aia, di Rino Ermini (n°229)

 “Possum multa tibi veterum praecepta referre, / ni refugis tenuisque piget cognoscere curas. / Area cum primis ingenti aequanda cylindro / et vertenda manu et creta solidanda tenaci, / ne subeant herbae neu pulvere victa fatiscat, / tum variae inludant pestes: saepe exiguus mus / sub terris posuitque domos atque horrea fecit, / aut oculis capti fodere cubilia talpae, / inventusque cavis bufo et quae plurima terrae / monstra ferunt, populatque ingentem farris acervom / curculio atque inopi metuens formica senectae.

Leggi tutto: Le Georgiche: imbuinare l’aia, di Rino Ermini (n°229)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Martedì, 10 Dicembre 2019

SPORTALe Georgiche: il cistello, la cistella, il crino, i graticci, di Rino Ermini (n°228)

 «...e inoltre gli umili utensili che Celeo intrecciava di vimini / i graticci di corbezzolo e il mistico vaglio di Iacco; / e tutti gli arnesi che provvido riporrai prima, / se vuoi che ti spetti la gloria della divina campagna». (I, 165-168) 

«Ora con verghe di rovo s’intrecciano agevoli cesti» (I, 266)

Sono alcuni versi coi quali Virgilio richiama una delle tante necessarie attività del contadino, quella di costruire cesti e cestelli intrecciando vincastri, sbrocchi, ecc. Un’attività che veniva svolta «qualora la fredda pioggia tenga chiuso il contadino» (I, 259). 

Leggi tutto: Le Georgiche: il cistello, la cistella, il crino, i graticci, di Rino Ermini (n°228)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Domenica, 10 Novembre 2019

cibeaLe Georgiche: il giogo, la treggia, la cibea, di Rino Ermini (n°227)

 “Prima per giogo si taglia un leggero tiglio, e per la stiva / un alto faggio che da tergo diriga il basso del carro: / sospeso sul focolare, il fumo ne prova la robustezza” (versi 173-175, pagina 149).

Concentriamo l’attenzione sulla parola “giogo” e sul riferimento al “focolare” e al “fumo”; e, rimandando ai versi citati nell’articolo pubblicato sul numero precedente, teniamo presente la parola “treggia”, cui aggiungeremo il termine “cibea” che Virgilio non cita, ma sarei pronto a giurare che l’abbia conosciuta.

Leggi tutto: Le Georgiche: il giogo

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Venerdì, 27 Settembre 2019

AratroLe Georgiche. Primo: l’aratro, di Rino Ermini (n°226)

Le Georgiche sono quattro libri, per un totale di 2.188 versi. Noi ne dovremmo parlare soltanto per un raffronto con un podere condotto a mezzadria a metà del XX secolo nelle campagne del Valdarno Superiore, provincia di Arezzo, al confine con quella di Firenze. Ma anche soltanto così, vale a dire scorrendo velocemente l’opera alla ricerca degli spunti necessari, è probabile che ogni tre versi si trovino cose da dire:  cercheremo ovviamente di scegliere nel modo migliore onde evitare di far durare anni questo nostro lavoro.

Leggi tutto: Le Georgiche. Primo: l’aratro, di Rino Ermini (n°226)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Venerdì, 19 Luglio 2019

Apicultori - Foto di Mario RebeschiniLe Georgiche: introduzione, di Rino Ermini (n°225)

Su idea di un membro della redazione, avremmo deciso di fare un esperimento: leggere le Georgiche, nota opera di Publio Virgilio Marone (70-19 a. C.), e prendendo spunto da alcuni passaggi che possano prestarsi, parlare di un podere condotto a mezzadria fra le pendici del Pratomagno e la media Valle dell’Arno, nelle campagne più o meno a metà strada fra Firenze e Arezzo, all’incirca alla metà del secolo scorso; parlarne per fare dei raffronti e vedere quali analogie e differenze siano rilevabili fra due realtà, quella di Virgilio e quella del podere valdarnese, distanti fra loro un paio di millenni.

Leggi tutto: Le Georgiche: introduzione, di Rino Ermini (n°225)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Martedì, 25 Settembre 2018

girasoleNon piove, governi ladri! di Toni Iero (n°226)

Ondate di calore africano sempre più frequenti, seguite da temporali di stampo tropicale, inverni sempre più tiepidi. Perfino la nebbia in Val Padana sembra essersi estinta.

Anche senza andare a leggere i resoconti di quanto accade a livello planetario (scioglimento dei ghiacci ai poli, estensione dei deserti, aumento della forza degli uragani, sbiancamento delle barriere coralline, etc.) basta guardarsi intorno per capire che, in effetti, il clima sta cambiando. Una ulteriore preoccupazione è che tale cambiamento appare tutt’altro che lento. Per esempio, i dati che presento qui sotto1, relativi ai capoluoghi di regione italiani, evidenziano aumenti non trascurabili delle temperature rilevate.

Leggi tutto: Non piove, governi ladri! di Toni Iero (N°226)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Giovedì, 01 Marzo 2018

No Passante Aria pesa, di Lucrezia Avitabile (n°210)

L’aria delle grandi città diventa sempre più irrespirabile, la situazione è preoccupante soprattutto nella Pianura Padana che risulta una delle zone più inquinate d’Europa anche a causa delle sue condizioni orografiche e atmosferiche. 

Oltre al danno ambientale, ci stiamo avviando anche verso la sanzione da parte della Commissione Europea. 

Nei confronti del nostro paese sono state avviate due procedure d’infrazione, che oggi sono arrivate ad una fase avanzata del procedimento: una riguarda il superamento dei valori limite di PM10 (particelle di polveri fini con diametro inferiore a 10 µm) e un’altra del NO2 (biossido di azoto). Per entrambi esiste una cospicua letteratura che descrive gli impatti che hanno sulla salute umana.

Leggi tutto: Aria pesa, di Lucrezia Avitabile (n°210)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Giovedì, 01 Marzo 2018

cascataAcqua inquinata in Abruzzo, di Ilaria Leccardi (n°210)

A 11 anni dallo scandalo discariche di Bussi il primo spiraglio per la bonifica. Intanto, nel silenzio delle istituzioni, arriva la Carta delle aree di salvaguardia per l’acqua.

Italia Paese dell’acqua. Italia racchiusa dai mari e nutrita da un patrimonio idrico ricchissimo, superficiale e sotterraneo. Italia devastata. Dopo aver raccontato nel numero scorso di Cenerentola la battaglia del paese di Sezzadio e della Valle Bormida, in Piemonte, contro la costruzione di una discarica sopra l’area di ricarica di una falda purissima già utilizzata per rifornire decine di migliaia di persone della zona, torniamo a parlare di acqua. Con uno sguardo, questa volta, diretto all’Abruzzo, la regione dove ormai più di dieci anni fa scoppiava lo scandalo Bussi, con il ritrovamento di un’enorme discarica abusiva di rifiuti tossici derivanti dallo stabilimento della Montedison, che hanno contaminato per decenni il territorio e l’acqua potabile distribuita alla popolazione.

Leggi tutto: Acqua inquinata in Abruzzo, di Ilaria Leccardi (n° 210)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Domenica, 11 Febbraio 2018

SezzadioUna battaglia a difesa dell’acqua, di Ilaria Leccardi (n°209)

Dal profondo della terra per guardare al futuro: la storia di Sezzadio

Campi agricoli a perdita d’occhio. Cascine. L’aria che si respira ancora pura. E una riserva limpida che scorre a oltre cento metri di profondità. Acqua patrimonio comune, acqua da mantenere viva.  Con questo tesoro, con l’acqua, non si scherza. È questo uno dei motti della battaglia che da ormai sei anni il paesino di Sezzadio, 1.200 abitanti, a pochi chilometri da Alessandria, porta avanti per tutelare le risorse idriche che giacciono sotto il suo territorio. Un polmone definito riserva strategica dalla Regione Piemonte nel suo Piano Tutela Acque, che potrebbe arrivare a coprire le esigenze di un territorio di 250mila persone e attualmente disseta circa 50mila abitanti di una zona che comprende tra gli altri centri abitati anche Acqui Terme, celebre meta turistica dell’area.

Leggi tutto: Una battaglia a difesa dell’acqua, di Ilaria Leccardi (n°209)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Sabato, 01 Luglio 2017

riciclo-plasticaUn milione di bottiglie al minuto, redazionale (n°203)

«Un milione di bottiglie di plastica vengono comprate nel mondo ogni minuto – scrivono Sandra Laville e Matthew Taylor sul “Guardian” del 28 giugno – e il loro numero aumenterà ancora del 20% nel 2021 creando una crisi ambientale che secondo alcuni sarà grave quanto il cambiamento climatico».

Leggi tutto: Un milione di bottiglie al minuto, redazionale (n°203)

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato Domenica, 14 Aprile 2013

 Acqua pubblica: a che punto siamo?, di Lucrezia Avitabile (n°156)
Manifesto L'acqua non si vende

Il 12 e 13 giugno del 2011, con il referendum sull’acqua pubblica, 27 milioni di italiani si sono espressi contro i profitti sull’acqua. 

In particolare con il terzo quesito è stato parzialmente abrogato il comma 1 dell’art. 154 del Decreto Legislativo 152/06 (Testo Unico Ambientale), scongiurando che la tariffa del servizio idrico comprendesse la remunerazione del capitale investito da parte del gestore.

Leggi tutto: Acqua pubblica: a che punto siamo?, di Lucrezia Avitabile (n°156)

Ambiente - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.